1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  1. URP
  2. F.A.Q.
  3. Mappa
Contenuto
Logo LIFE con bandiera dell'Unione europea

Conservazione degli habitat e delle specie del SIC Bosco Mesola

LIFE Bosco della Mesola

 

La Riserva Naturale dello Stato "Bosco della Mesola", compresa nel Parco regionale del Delta del Po, è stata proposta come Sito di Importanza Comunitaria (SIC) per la presenza di habitat e di specie elencate negli allegati alle Direttive Comunitarie 79/409 (conservazione degli uccelli selvatici) e 92/43 (tutela di habitat e specie di importanza comunitaria).
Obiettivo di questo progetto "LIFE Natura" è la conservazione degli habitat e delle specie presenti nel SIC denominato "Bosco della Mesola, Bosco Panfilia, Bosco S. Giustina" (IT 4060006), in cui la Riserva Naturale costituisce la parte principale per estensione e per presenze faunistiche.

 
  1. Attività di programmazione e di ricerca
  2. Azioni di conservazione
  3. Attività di divulgazione

Attività di programmazione e di ricerca

Il progetto si è proposto di realizzare alcune delle indicazioni previste dal Piano di gestione naturalistica della Riserva Naturale Bosco della Mesola oltre che dal "Piano d'azione per la conservazione della natura del Delta del Po Sito significativo Bosco della Mesola", redatto da LIPU (1997) sempre come progetto LIFE.
Le azioni, così individuate hanno contribuito alla conservazione degli habitat e delle specie del SIC proposto "Bosco della Mesola, Bosco Panfilia e Bosco di Santa Giustina" (codice IT 4060006), il più esteso bosco planiziale dell'area del Delta del Po, comprendente habitat di importanza prioritaria - foreste dunari di Pinus pinea e stagni temporanei mediterranei - ed alcune specie comprese negli allegati della dir. 92/43/CEE (Rettili di importanza comunitaria presenti nel sito sono la Testuggine di Hermann Testudo hermanni e la Testuggine palustre Emys orbicularis, e tra gli Anfibi il raro Pelobate fosco Pelobates fuscus).

 

 

Azioni di conservazione

Zona umida all'interno del Bosco della Mesola

La minaccia principale nel medio e lungo periodo come in altri costieri del Delta del Po ed in altri contesti di pianura alluvionale è rappresentata dal peggioramento della qualità delle acque superficiali e dalla salinizzazione della falda conseguentemente al processo di subsidenza. Gli habitat e le specie presenti sono infatti strettamente dipendenti dalla qualità e dalla quantità delle acque immesse nella rete idraulica del bosco.
Per incrementare l'efficienza della rete idrica e migliorarne la gestibilità il progetto ha adeguato la rete idrica dei canali, realizzando ed ampliando habitat favorevoli per Emys orbicularis e diverse specie di anfibi.
Un'ulteriore minaccia è stata rappresentata dall'eccessivo pascolamento del daino che impedisce la rinnovazione delle specie arboree e danneggia lo strato arbustivo ed erbaceo, sottraendo habitat per l'alimentazione ed il rifugio a piccole specie erbivore ed ad una popolazione di cervo, qui presente con l'unico nucleo autoctono della penisola italiana.
Sono stati quindi realizzati tratti di recinzione per suddividire il bosco in unità di gestione faunistica e selvicolturale per consentire il rinnovamento naturale delle specie arboree e lo sviluppo degli strati arbustivo ed erbaceo, migliorando l'habitat, in particolare di Testudo hermanni, specie prioritaria ai sensi della Dir. CEE 43/92.

 
 
 

 

Attività di divulgazione

Una scolaresca in gita

La Riserva Naturale viene visitata ogni anno da circa 40.000 visitatori, molti dei quali in gita scolastica.
Per informare un pubblico quanto più ampio possibile sulle problematiche di gestione del sito e sugli interventi previsti dal progetto sono state esposte presso gli accessi tabelle informative recanti tutte le informazioni ritenute necessarie.
Ulteriori occasioni per diffondere gli obiettivi e l'importanza delle azioni di conservazione del sito previste dal progetto nonché l'importanza della Rete Natura 2000, sono state le tradizionali escursioni guidate dal personale Forestale, a piedi o in bicicletta, che, ogni primavera, nei giorni del Lunedì di Pasqua, 25 aprile e 1° maggio, vengono effettuate nell'area della Riserva Naturale di regola chiusa al pubblico.
Durante queste giornate diverse migliaia di visitatori accedono alla Riserva "Bosco della Mesola".

 
 
Condividi su:
Seguici su: