1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  1. URP
  2. F.A.Q.
  3. Mappa
Contenuto

Che cos'è il Meteomont

Forestale che analizza lo stato cristallino della neve

E' un servizio garantito dal Corpo forestale dello Stato e dal Comando delle Truppe Alpine, con la collaborazione del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Nato nel 1978per incrementare le condizioni di sicurezza della montagna innevata attraverso la previsione del pericolo valanghe, in 30 anni di attività ha esteso le sue competenze. Oggi copre tutto il territorio montano ed è finalizzato al monitoraggio e alla previsionedei pericoli e dei rischi naturali peculiari della montagna.
 
Il Meteomont è formato da 950 unità tra uomini e donne qualificati distribuiti lungo la dorsale appenninica e l'intero arco alpino, qualificati osservatori, esperti e previsori neve e valanghe che grazie all'esperienza e alla competenza maturata quotidianamente sul campo e avvalendosi di mezzi fuoristrada, motoslitte ed elicotteri, per la ricognizione ed i rilievi speditivi in quota, sono oggi preziosi riferimenti a disposizione dello sviluppo delle aree montane in condizioni di sicurezza.

Profondi conoscitori della montagna, ogni giorno e con ogni condizione meteorologica sono presenti sulle nostre nevi, sci ai piedi, per controllare le condizioni del tempo, della neve, valutare ed analizzare il manto nevoso e la sua stabilità, vigilare sulle zone a rischio, incrociare e studiare i dati ed informare 3.000.000 di potenziali fruitori tramite le 12 edizioni giornaliere del Bollettino Nazionale della Neve e delle Valanghe, consultabili sul sito www.meteomont.gov.it o tramite il numero di emergenza ambientale 1515.
E' anche attivo il servizio sms meteomont per conoscere in tempo reale le condizioni meteorologiche, nivologiche e le previsioni sul pericolo valanga di tutte le località montane italiane.

Grazie a Meteomont, gli abitanti della montagna, gli sciatori e i turisti, possono conoscere al dettaglio e per le singole località, le condizioni del manto nevoso e decidere se esistono o meno le condizioni di sicurezza per un'escursione.

 

Uomini e mezzi operativi sul territorio che concorrono alle attività Meteomont

  • 300 Comandi stazione del Corpo forestale dello Stato
  • 75 Comandi provinciali
  • 15 Comandi regionali
  • 43 sale operative provinciali del numero di emergenza ambientale 1515
  • 15 sale operative regionali del numero di emergenza ambientale 1515
  • 19 Coordinamenti Territoriali per l'Ambiente presso i Parchi Nazionali
  • 950 osservatori meteonivometrici
  • 35 previsori neve e valanghe
  • 80 esperti neve e valanghe
  • 250 unità qualificate per il controllo e il soccorso sulle piste da sci
  • 550 rilevatori Arva per la ricerca dei travolti in valanga
  • 156 mezzi fuoristrada
  • 54 motoslitte
  • 22 elicotteri da ricognizione e rilevamento speditivi in quota (mod.NH500 e AB412)
  • 30 unità cinofile per la ricerca dei dispersi in valanga 
  • 180 Stazioni di rilevamento meteonivometrico manuale
  • 88 Stazioni meteonivologiche automatiche
  • 13 Centri Settore - Uffici Neve e valanghe - Sala Previsori
  • 2 Centri Nazionali - Bolzano e Roma
  • 15 Sale operative regionali
  • 1 Centrale operativa nazionale, in funzione 24 ore su 24
Condividi su:
Seguici su: